Edilizia | Sicurezza Formazione ed Igiene nei luoghi di lavoro - Massa Carrara (Ms)
97
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-97,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
 

Edilizia

Descrizione dell’attività

Nell’ambito dell’edilizia la sicurezza sul lavoro è sicuramente uno degli aspetti principali da tenere in considerazione. I cantieri edili infatti sono realtà in continuo cambiamento a causa della variabilità delle lavorazioni e delle diversità delle attrezzature e macchine utilizzate. Molto spesso i lavori si protraggono a lungo e le attività prevedono la presenza contemporanea di più ditte.

E’ importante quindi organizzare le attività cercando di eliminare o portare al minimo le interferenze per ridurre i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori.

Principali rischi

PRINCIPALI RISCHI MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE
RUMORE: nel settore edile questo rischio deriva dall’utilizzo di macchine ed attrezzature come trapani, demolitori, seghe circolari, martelli pneumatici, smerigliatrici angolari, mezzi meccanici per movimento terra. Le attività devono essere svolte in modo da ridurre al minimo l’esposizione al rumore degli addetti e delle zone circostanti. Per le macchine ed attrezzature di lavoro la scelta deve ricadere su strumenti che emettono il minor rumore possibile. I lavoratori devono utilizzare i dispositivi di protezione individuale come tappi/ inserti auricolari e cuffie.

E’ fondamentale gestire al meglio la turnazione e la durata dell’esposizione.

VIBRAZIONI:l’utilizzo di macchine come escavatori, pale, terne, autocarri, trasmettono vibrazioni al corpo intero.Strumentazioni come trapani, martelli pneumatici, smerigliatrici, trasmettono vibrazioni al sistema mano-braccio. Le macchine e le attrezzature utilizzate devono essere progettate per ridurre al minimo la trasmissione di vibrazioni all’operatore e devono essere soggette a regolari controlli di manutenzione.

E’ fondamentale gestire al meglio la turnazione e la durata dell’esposizione.

LAVORO IN QUOTA: quando il lavoratore si trova a più di due metri di altezza da un piano stabile si parla di rischio di caduta dall’alto.

La caduta dall’alto avviene per mancato uso dei dispositivi di protezione anticaduta.

In edilizia si utilizzano ponteggi, trabattelli, piattaforme mobili elevabili per lavorazioni di: copertura di edifici, finitura e rifacimento di facciate.

Gli attrezzaggi e le macchine devono essere conformi alla normativa.

I lavoratori esposti al rischio, devono indossare i dispositivi anticaduta e ricevere idonea informazione formazione e addestramento.

INVESTIMENTO: in cantiere si eseguono numerose operazioni di movimentazione e stoccaggio di materiali mediante l’utilizzo di svariati mezzi, tra cui: autocarri, gru a torre, montacarichi, gru su autocarro o altri apparecchi di sollevamento. E’ necessaria una buona progettazione delle aree di cantiere e un corretto stoccaggio dei materiali. Gli spazi devono prevedere le distanze minime previste da normativa e vie di fuga conformi.I mezzi e le macchine devono essere soggette a controlli regolari di manutenzione. I mezzi in movimento devono essere dotate di sistemi acustici e visivi di segnalazione.

I mezzi devono muoversi a passo d’uomo rispettando la segnaletica di sicurezza e i percorsi stabiliti.

CADUTA A TERRA/SCIVOLAMENTO: Nei cantieri edili è presente una grande quantità di materiale sparso, ostacoli che intralciano i percorsi di lavoro, buche o avvallamenti del suolo. Le aree di lavoro devono essere opportunamente pulite e mantenute sgombre da ostacoli. I materiali devono essere correttamente disposti nelle aree destinate allo stoccaggio.
RISCHIO CHIMICO: Nei cantieri edili l’utilizzo di sostanze chimiche e la presenza di oli, solventi, vernici, polveri di cantiere, ancoranti, disarmanti, malte, colle, cemento, può essere pericoloso per l’uomo. Deve essere valutata l’esposizione dei lavoratori e devono essere definite le modalità e procedure di utilizzo e stoccaggio delle sostanze e dei loro derivati.Occorre ridurre al minimo l’utilizzo delle sostanze chimiche e mettere a disposizione dei lavoratori le schede di sicurezza.
MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: nelle lavorazioni sono previste fasi di lavoro che comportano la movimentazione di materiali  per le lavorazioni, in generale nei vari cantieri sono molti i materiali che vengono movimentati nell’arco della giornata. Non si devono superare i limiti previsti dalla normativa. In caso di pesi eccessivi le operazioni devono essere eseguite mediante l’utilizzo di mezzi meccanici o con l’ausilio di più operatori.